EDITORIALE DELLA FONDAZIONE

Lazio, terra di precarietà lavorativa: una sfida urgente da affrontare

Dati preoccupanti: il Lazio al primo posto per contratti precari e brevi durate nel panorama nazionale

Lazio, terra di precarietà lavorativa: una sfida urgente da affrontare

Condividi

Soluzioni per un cambiamento: le azioni necessarie per contrastare la precarietà e promuovere un lavoro stabile e dignitoso

Stando ai dati recentemente analizzati dalla Cgil di Roma e del Lazio, i lavoratori della regione sono tra i più precari d’Italia. In particolare, il numero di contratti della durata di un giorno nel Lazio pesa per il 38,5% sul numero totale delle cessazioni, un dato molto superiore rispetto alla Campania (12,9%) e alla Lombardia (12,4%), rispettivamente seconda e terza in classifica. Addirittura, il Lazio stacca notevolmente anche la media nazionale che registra il 12,6% di contratti di un giorno in rapporto al numero totale delle cessazioni nel 2022.

Questi dati preoccupanti evidenziano un’alta percentuale di precarietà nel mercato del lavoro regionale. L’88,7% dei lavoratori nel Lazio ha un impiego precario, mentre solo l’11,3% può vantare un contratto a tempo indeterminato. Tra i lavoratori precari, oltre il 66% è stato impiegato a tempo determinato, il 16,5% con altre forme di contratto, il 3,4% con contratti di collaborazione e il 2,2% con contratti di apprendistato.

Secondo il rapporto del Ministero del Lavoro pubblicato di recente, il Lazio detiene il triste primato di regione più precaria d’Italia, con il 59,8% dei contratti cessati nel 2022 che hanno avuto una durata massima di 30 giorni, ben 26 punti percentuali in più della media nazionale. È quindi evidente l’urgenza di adottare misure concrete per contrastare la precarietà lavorativa nella regione.

Durante la Giunta Zingaretti, sono state approvate alcune importanti leggi e misure per contrastare la precarietà lavorativa nel Lazio. Tra queste, la stabilizzazione di oltre 1000 precari nel settore sanitario nel 2017 e la firma di un protocollo d’intesa con i sindacati per la stabilizzazione di ulteriori 4800 lavoratori sanitari nel novembre del 2022. È stata anche approvata la prima legge regionale in Italia per la tutela e la sicurezza dei lavoratori digitali, nota come "legge sulla gig economy". Altre leggi importanti riguardano la lotta al "dumping contrattuale" e la promozione della parità salariale.

Tuttavia, nonostante questi sforzi, i dati attuali dimostrano che c’è ancora molto da fare per garantire un lavoro stabile e dignitoso ai cittadini del Lazio. È fondamentale che la Giunta Rocca implementi appieno le leggi e le misure già approvate, attivi un tavolo di confronto urgente con i sindacati per individuare ulteriori misure volte a contrastare la precarietà e renda conto all’opinione pubblica dell’esito di tali azioni.

Questa situazione evidenzia la necessità di un dialogo costante e collaborativo tra le forze politiche al fine di raggiungere una sintesi utile per affrontare le principali sfide legate al mondo del lavoro e per il bene della collettività. È solo attraverso un impegno condiviso e una volontà politica forte che si potranno ottenere risultati concreti per migliorare la condizione lavorativa dei cittadini del Lazio.


Condividi

19 Giugno 2023 © Redazione PANTAREI Fondazione Premio Antonio Biondi

PANTAREI Fondazione Premio Antonio Biondi

Fondazione Premio Antonio Biondi

Fondazione Premio Antonio Biondi
Via Garibaldi 34
03017 Morolo (FR)
Fondazione terzo settore
C.F. 92088700601
segreteria@

IBAN:
IT1810529714801CC1030072196
BIC: BPFRIT3FXXX


Precedente

Esplora l'arte letteraria anche nel digitale, condividi conoscenza, nutri la tua mente.

sezione ebook

meno carta più ambiente, una scelta sostenibile

sezione ebook
Archivi della fondazione
Le molteplici attività della fondazione rivolte a promuovere e sostenere la cultura e la creatività nel territorio del Lazio
__

Fondazione Premio Antonio Biondi
PANTAREI editoriale della Fondazione Premio Antonio Biondi

 

altra lingua

Fondazione Premio Antonio Biondi
Via Garibaldi 34
03017 Morolo (FR)
Fondazione terzo settore
C.F. 92088700601

segreteria@fondazionepremioantoniobiondi.it
Fondazione iscritta al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore - RUNTS Lazio
Privacy & Cookie Policy

© Fondazione Premio Antonio Biondi.   Tutti i diritti sono riservati.
Credit grippiassociati ICT Creative